Top

Incredibile: Correggere Un Sms Dopo L’Invio, Ping Pong con il Robot, Password Profumate

Uno dei motivi che, mentre usiamo lo smartphone, possono farci perdere la pazienza sono i vari correttori automatici presenti nei sistemi operativi o anche semplicemente le tastiere installate che, spesso, ci fanno commettere degli errori mentre stiamo scrivendo un sms, obbligandoci poi ad inviarne un secondo con le dovute correzioni.

Quante volte vi capita di inviare ai vostri amici (o a vostra mamma :D) un sms con un testo completamente diverso da quello che volevate scrivere. A volte l’errore non ha senso, altre volte si incappa in doppi sensi veramente imbarazzanti, tanto che ci sono tutta una serie di meme card dedicate a questi inconvenienti tecnologici.

Come sempre Apple ci legge nel pensiero e Ciò a cui sta pensando per ovviare alla problematica, può essere davvero qualcosa di geniale e adesso vi spieghiamo di cosa si tratta.

Correzioni Anche Dopo L’invio

ios_7_imessage_timestamps_hero

 

Il brevetto, dal nome “transient panel enabling message correction capabilities prior to data submission”, consiste proprio nel permettere agli utenti Apple di modificare un sms dopo averlo inviato, che sia stato esso scritto tramite iMessage o come SMS normale. Ovviamente il messaggio sarà modificabile nel giro di pochi secondi, non dopo diversi minuti o ore dall’invio: Apple dice che sarà possibile modificare il messaggio prima che questo raggiunga la destinazione e, quindi, venga letto. 

E’ come se il messaggio venisse messo sostanzialmente in stand by, per poter essere corretto al volo, e poi recapitato al destinatario.

L’opportunità è temporanea. Serve a evitare di impedire un flusso di comunicazione, e i dati testuali vengono trasmessi senza modifiche se non si accetta l’opportunità di modificarli. Le modifiche effettuate durante questo periodo temporaneo possono essere usate per adattare una funzionalità di autocorrezione del dispositivo.

L’interessante novità, probabilmente, vedrà la luce solamente insieme ad iOS 8 e quindi non prima di un anno. Aspettare, intanto, non costa nulla! 😉

Il Campione di Ping Pong vs il Robot Agilus: un incredibile duello promosso da KUKA

ping-pong-kuka

Per inaugurare un’imbarcazione si usa una semplice bottiglia di champagne da rompere sulla prua. Lo spumante potrebbe servire anche per il lancio di un nuovo stabilimento di un’azienda leader nella produzione di robot industriali? Probabilmente no, proprio per questo KUKA ha ben pensato di organizzare un particolare evento per inaugurare la sua prima fabbrica a Shanghai! Per lo straordinario avvenimento, l’azienda farà scendere in campo il suo particolare robot Agilus!

Macchina vs Uomo in un duello all’ultima pallina

Una sfida incredibile si consumerà l’11 marzo 2014, i duellanti saranno la macchina firmata KUKA e la leggenda del tennis da tavolo, Timo Boll. Il campione tedesco si scontrerà con Agilus per affermare il proprio dominio in un avvincente ed unico incontro di Ping Pong.

Boll ha conquistato infinite vittorie, ma allo stesso tempo Agilus è noto per la sua incredibile velocità. Chi riuscirà a trionfare? Il match sarà senza dubbio avvincente e soprattutto in grado di attirare i media. KUKA ha scelto un originale evento per inaugurare la sua nuova fabbrica!

Chi vincerà, la macchina o l’uomo? Non possiamo far altro che attendere l’11 marzo per scoprirlo. Non sappiamo con precisione quando sarà lanciato il video dell’intero incontro, vi consigliamo di tenere d’occhio il canale Youtube di KukaRobotGroup! Per ora possiamo gustarci solo una breve anteprima che ci permette di ammirare i duellanti e di notare la fatica ed il timore di Timo Boll che dovrà affrontare il più temibile degli avversari!

Analisi Del Profumo: Le Password Del Futuro

Ormai le password “digitali” si stanno facendo sempre più strada e se nel Medioevo la più sicura era una grande chiave, oggi queste ultime non sono quasi più utilizzate. In ogni caso la tecnologia, che ha mosso grandissimi passi, ha sviluppato nuovi metodi per rendere sempre più sicuro le nostre password che, da semplici parole con con caratteri e numeri, si sono trasformate in qualcosa di più.

Analisi del Profumo

dnews-files-2014-02-body-odor-password-670-jpg

Mentre Apple pensa al TouchID e Samsung, secondo i rumor, sta preparando qualcosa che scansioni la retina e sblocchi lo smartphone con la propria pupilla, un gruppo di ricercatori spagnoli pensa, invece, a realizzare un sistema basato sugli odori, o meglio, sul nostro odore. Sì, avete capito bene. Secondo questo gruppo di ragazzi, infatti, le password del futuro stanno nel proprio odore che geneticamente è impossibile da “clonare”. Lo stato dei lavori sarebbe già a buon punto e la percentuale di riconoscimento è di circa l’85%, ancora troppo poco per immettere sul mercato una simile tecnologia.

Sebbene la scansione dell’iride e quella delle impronte digitali siano molto accurate, i ricercatori credono che queste tecniche vengano spesso associate alle attività criminali, dunque le persone sono poco disponibili a sottoporsi ai controlli. Per quanto riguarda invece il riconoscimento facciale, non è sempre affidabile. Pertanto, lo sviluppo di sensori capaci di analizzare l’odore e identificare una persona potrebbe portare alla realizzazione di soluzioni meno invasive e molto più precise.

Il futuro, dunque, sembra riservarci moltissime novità interessanti. Chissà a cosa assisteremo nei prossimi anni (o mesi?).

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273