Top

Aumentare La Privacy Con BlackBox

“Come rendere il computer davvero sicuro?” Ecco la domanda posta da quasi tutti gli utenti alle prime armi col computer e quasi sempre la risposta è “installa un buon antivirus, un antispyware, un firewall e cerca di navigare sul web con prudenza :)”

Bene, ma fatto tutto ciò, a volte capita lo stesso di incappare in problemi di sicurezza relativi al sistema in uso, segno evidente che la certezza di non infettarlo con qualche malware di fatto non esiste. E il risultato di tutto questo è quasi sempre uno, vale a dire la violazione della nostra privacy, vuoi perché si corre il rischio di far finire i nostri dati nelle mani sbagliate, vuoi perché si permette di accedere ad informazioni che devono restare assolutamente segrete, come i dati di accesso a conti on line, ecc. La privacy su internet è un problema fondamentale, Facebook ne sa qualcosa.

Ecco come aumentare la nostra privacy

E’ vero anche però che esistono tutta una serie di strumenti di ausilio a quelli indicati all’inizio della guida, che se utilizzati limiterebbero e non poco i casi di infezioni da virus, spyware, rootkit e chi più ne ha più ne metta e soprattutto permetterebbero di tenere sempre sottocontrollo la propria privacy, senza rischiare di vedersela violare con una disarmante semplicità.

E al contrario di quello che molti penseranno, violare la privacy specie se utilizzate un computer in comune con altre persone (vuoi in famiglia, vuoi a lavoro) è realmente semplicissimo, ma con il tool che vi andiamo a presentare oggi è altrettanto semplicissimo scoprire tutto ciò che sta avvenendo sul computer in nostra assenza.

Parliamo di BlackBox, un’applicazione free per tutti i sistemi Windows, per il monitoraggio in tempo reale di quanto sta avvenendo sul nostro sistema, ma vediamo più nel dettaglio. BlackBox permette di effettuare un monitoraggio avanzato dei programmi usati, le ricerche effettuate, i tempi di accensione/spegnimento del computer, le conversazioni avviate con i programmi di messaggistica istantanea, le ricerche effettuate e molto altro ancora…

Una volta installato, BlackBox ci chiederà di selezionare le aree da monitorare, dopodiché avremo in una semplice interfaccia, la possibilità di controllare le ultime azioni svolte.

Dopo che ci saremo allontanati dal computer e non avremo dunque utilizzato mouse e tastiera per qualche minuto, BlackBox avvierà un tool integrato per effettuare screenshot ad intervalli di tempo predeterminati, in modo tale da visualizzare al nostro ritorno, tutte le attività svolte direttamente a schermo.

BlackBox monitorerà:

  • i programmi utilizzati (fornendo informazioni sul nome del programma, l’ora di esecuzione e di chiusura dell’applicazione)
  • i siti visitati (quali e quando sono stati visitati e da che IP
  • le ricerche effettuate
  • per quanto tempo è stato usato il computer
  • tutte le email in entrata e in uscita
  • tutte le conversazioni effettuate con Windows Live Messenger, AOL, Yahoo/ICQ, Jabber ecc…

Con BlackBox potremo visualizzare tutte queste informazioni non appena torneremo al computer, ma dato che potremmo voler essere aggiornati in tempo reale, BlackBox tra le sue features ne offre una molto interessante, che non abbiamo avuto ancora modo di provare, ovvero la possibilità di ricevere un alert via email o via sms sul nostro cellulare, non appena cambia qualcosa sul sistema in uso. Gli alert sono personalizzabili ed è possibile impostare un report giornaliero con tutte le informazioni o una notifica istantanea al cambiamento di qualcosa.

E tu hai installato BlackBox? Quali strumenti usi per proteggere la tua privacy sul web?

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273