Top

Crea Una Console Retro Con Raspberry Pi

Il Raspberry Pi è un piccolissimo computer, che però al suo interno integra hardware in grado di fornire sufficiente potenza computazionale per realizzare una console in stile retro. Dopo aver letto questo articolo, quindi, sarà possibile riuscire a giocare a classici quali Super Mario Bros., Sonic, Space Invaders e molti altri giochi, grazie ad un piccolo Raspberry Pi, un controller per Xbox 360 e qualche altro dispositivo. Andiamo a vedere in dettaglio. 

Raspberry Pi 1

Una Console Retro Low-Cost

Un computer low-cost, come il Raspberry Pi, vi permette di creare decine di progetti veramente interessanti, tra cui di automazione, piccoli server, media center e molte altri ancora. Se è la prima volta che vi avvicinate a Raspberry Pi, vi suggeriamo di visitare il sito web ufficiale per poter ottenere ulteriori informazioni a riguardo.
Il progetto che andiamo ad illustrarvi riguarda la possibilità di creare una console di gaming abbastanza retro e che funziona grazie ad un software che andrà installato sulla scheda SD.

Bn6fai

Prima di iniziare, assicuratevi di aver un Raspberry Pi Modello A o Modello B. La principale differenza tra questi due modelli, riguarda il fatto che quest’ultimo integra al suo interno porte USB, una porta Ethernet e memoria RAM pari a 512 MB, per una differenza di prezzo di pochi euro. Per questo motivo, quindi, se non avete ancora acquistato il Raspberry Pi, vi suggeriamo di scegliere il Modello B. Oltre al piccolo computer saranno necessari un monitor con ingresso HDMI, un controller per Xbox 360, un cavo Ethernet o adattatore WiFi USB, una scheda SD classe 4 da 4GB o superiore, una tastiera USB ed una classica penna USB. Per alimentare il Raspberry Pi è richiesto un alimentatore in grado di avere un output di almeno 850 milliampere a 5 volt, mentre un lettore di schede SD sarà necessario per trasferire il sistema operativo sulla scheda stessa.
Prima di iniziare a creare la postazione di gioco, dovrete creare una scheda SD pronta all’uso. Grazie all’immagine disponibile sul sito web PetRockBlog potrete installare Retro Pie software, sia che abbiate un computer Windows che un Mac. Dopo aver scaricato il file, infatti, dotrete estrarlo sulla scheda SD con programmi come Wind32DiskImager, se siete su Windows, altrimenti RPi SD card builder su OS X. Qualora abbiate qualche problema RPi SD card builder, provate Pi Filler.
All’interno di Wind32DiskImager selezionate l’opzione “Write“, quando effettuate l’estrazione dell’immagine verso la scheda SD. Per quanto riguarda, invece, OS 10.8, vi ritroverete a non poter aprire l’applicazione che non è stata scaricata dal Mac App Store. L’unico modo per risolvere questo messaggio è quello di fare click con il tasto destro sull’App, selezionare “Apri” e il tasto “OK”.

MFj2em

Installazione

Per iniziare a giocare con il vostro Raspberry Pi sarà necessario connettere un monitor, una tastiera, un cavo Ethernet, il controller Xbox ed anche la scheda SD, su cui precedentemente avevate installato il software Retro Pie. Dopo aver connesso tutte le periferiche, potrete inserire il cavo Micro-USB ed a questo punto Raspberry Pi si accenderà automaticamente.

Il dispositivo efffettuerà il boot nella “Emulation Station“, la principale interfaccia di Retro Pie. A questo punto è necessario configurare alcuni parametri attraverso alcune linee di codice per poi, successivamente, installare il controller. Premendo “F4” entrerete all’interno della console. Adesso è necessario completare l’installazione di Retro Pie tramite la riga di codice “sudo raspi-config” nella console, dovrete scegliere di espandere il filesystem e selezionare Ok. Successivamente vi verrà richiesto di impostare la lingua e le principali impostazioni, quali orario e layout della tastiera. Una volta completate queste azioni, scendete fino in fondo al tasto “Finish” ed effettuare un reboot del sistema.

 

Xbox Controller

Dopo che il sistema ha effettuato il riavvio completo, vi ritroverete nella “Emulation Station” e dovrete premere, come in precedenza, il tasto “F4”. Nella linea di comando digitate: “sudo apt-get install xboxdrv” e premete il tasto Invio. A questo punto verranno scaricati da internet ed installati i driver per il controller Xbox 360. Completato questo step digitate: “sudo nano /etc/rc.local” e premete sempre Invio. Scendendo verso il basso, posizionate il cursore tra le linee “fi” ed “exit 0”. Nel mezzo di queste due righe dovrete digitale: “xboxdrv –trigger-as-button –id 0 –led 2 –deadzone 4000 –silent & sleep 1”. Qualora utilizziate più di un controller digitate direttamente sotto il primo comando: “xboxdrv –trigger-as-button –id 1 –led 3 –deadzone 4000 –silent & sleep 1”. Se il controller è wireless, sostituite alla scritta “id” con “wid”. Non dimenticatevi di salvare il tutto premendo CTRL + X ed il tasto Y per confermare. Sarete, quindi, pronti a premere il tasto Enter e digitare “sudo reboot” per far ripartire il dispositivo.
Adesso, quindi, vi verrà richiesto di configurare la Emulation Station, seguendo le istruzioni a schermo. Uscite dalla Emulation Station premendo F4 e digitando “cd RetroPie/emulators/RetroArch/installdir/bin” nella linea di comando,premete Enter e scrivete questa ulteriore riga di codice: “./retroarch-joyconfig >> ~/RetroPie/configs/all/retroarch.cfg”. Seguite le istruzioni a schermo del una volta completato il tutto digitate “sudo reboot”.

1546_10151763389361414_99511056_n

Il Retro Pie supporta ROM, ovvero copie digitali di giochi sviluppati per Atari 2600, Game Boy Advance, Game Boy Color, Game Gear, MAME, NeoGeo, Sega Master System, Sega Megadrive, Nintendo, Super Nintendo e PlayStation. Il modo più semplice per trasferire tutte le ROM è quello di utilizzare una classica penna USB. Una volta accesso il Raspberry Pi ed entrati nella Emulation Station, connettete la penna USB ed il sistema operativo creerà automaticamente una directory ROM. Osservate il LED della penna USB, quando non lampeggerà più rimuovetelo dal Raspberry Pi e connettetelo al vostro computer per trasferire le ROM. Ricordate di rispettare la cartella in cui andrete ad inserire la ROM, un gioco sviluppato per Super Nintendo dovrà essere inserito nella cartella NES e così via. La prossima volta che collegherete la penna USB, le ROM verranno automaticamente trasferite nella scheda SD del Raspberry Pi.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273