Top

GeekNews: E-Commerce Italia: Siamo Indietro, Svelata Siri, Sagemcom Sixty

E-Commerce: L’Italia E’ Anni Luce Indietro Rispetto L’Europa

Ormai da alcuni anni è apparsa in rete la moda di acquistare oggetti online che, in molti casi, si è dimostrata nettamente superiore all’esperienza d’acquisto comune in ogni negozio fisico. Sarà per la maggiore possibilità di scelta, sarà per i prezzi più contenuti, l’acquisto in rete sta prendendo il sopravvento… ma non in Italia.

E-commerce

 Italia Nettamente Indietro

L’acquisto online è forse una delle pratiche più diffuse tra coloro che possiedono una connessione ADSL ad internet. L’Italia, oltre a detenere il record di maggior numero di persone senza un regolare accesso ad internet, sembra fornire dati negativi anche nelle statistiche che riguardano lo shopping online. Rispetto alla media europea ( pari a circa il 35%), infatti, solo l’11% degli italiani acquista regolarmente prodotti online, una percentuale bassissima se si pensa che nel Regno Unito il 65% degli acquisti viene fatto tramite computer.

Ci troviamo quindi di fronte a un problema di natura soprattutto culturale: manca una formazione degli italiani all’utilizzo di Internet sia da un punto di vista personale che professionale. Da un lato, infatti, manca un’adeguata educazione a riconoscere i veri rischi presenti nella rete a usufruire di tutti i vantaggi garantiti dall’eCommerce a livello di sicurezza e di qualità del servizio; dall’altro lato non c’è un’adeguata formazione di figure professionali che possano sviluppare nuovi modelli di business multicanale in grado di integrare retail fisico e online.

Questo è quanto affermato da Roberto Liscia, uno dei tanti intervenuti nella conferenza tenutasi ieri a Milano: sostanzialmente si tratta di un problema culturale. La popolazione italiana non sarebbe ancora pronta per fare un passo del genere, culturalmente parlando: gli italiani sono ancora “affezionati” ai contanti e sono molto restii dal pagare in modo virtuale, per paura di non ricevere la merce in primis, e poi per le difficoltà che si possono incontrare nel post vendita (reso per eventuali difetti, taglie errate in caso di abbigliamento e così via).

a569501f-f105-4bb7-8e1e-8cfb40e9baaa__O

Siri: Svelata La “Doppiatrice” In Una Intervista Alla CNN

Lanciato ormai da due anni, il famoso assistente vocale di Apple, Siri, da poco uscito dalla fase Beta, è uno, o forse l’unico, assistente vocale degno di eccellenza e che veramente conta pochissimi bug, rispetto agli altri servizi offerti dalle altre aziende, uno tra tanti S Voice. La classica vocina femminile di Siri, ovviamente non appartenente ad un simulatore vocale, è sempre stato un mistero per tutti gli appassionati di tecnologia, ed oggi finalmente scopriamo il volto di colei che in molte situazioni ci ha aiutato con la sua voce.

gsmarena_001

E’ Lei, Susann Bennett!

Era il lontano 2005 quando Apple ingaggiò questa simpatica signora per registrare moltissime delle parole del vocabolario inglese, da utilizzare, poi, nelle frasi che quotidianamente Siri pronuncia per rispondere ai nostri quesiti.

Ovviamente la signora Bennett è la voce della versione inglese di Siri che, su per giu, abbiamo sentito tutti quando Siri ancora non era disponibile in Italiano. Susann, inoltre, è molto famosa anche per aver dato la voce ad altre “apparecchiature robotiche”, quali sportelli Bancomat in America e stazioni ferroviarie ed aeroportuali.

La Bennett, intervistata poco fa dal famoso canale CNN, ha ammesso di essere molto orgogliosa del lavoro da lei fatto negli ultimi anni e ha svelato un particolare riguardo il periodo di collaborazione con Apple: prima della realizzazione di Siri, la Bennett ha affermato di aver lavorato con il colosso di Cupertino alle registrazioni di un intero vocabolario inglese per quattro ore ogni giorno, per un mese intero. Un lavoro duro e lungo ma che ha portato grandi frutti. Di seguito potete trovare l’intervista alla CNN ovviamente in lingua inglese.

http://www.youtube.com/watch?v=fL5s3pNJECk

Sagemcom Sixty: Un Ritorno Nel Passato

Cosa succede se vengono combinati assieme il design di un telefono anni ’60 e la tecnologia di un telefono cordless? Il Sixty di Sagemcom combina questi due aspetti per portare all’utente un dispositivo in grado di essere un elemento di arredo dotato di tecnologia all’avanguardia.

SIXTY_combine_decroche_300dpi

Retrorivoluzionario

Il nuovo Sagemcom Sixty, a differenza dei classici telefoni cordless, rappresenta una fusione tra un design tipicamente retro e la tecnologia più avanzata dei telefoni DECT cordless. Il Sixty offre una base dotata di tastiera touch, attorno ad un display dot matrix, ed una cornetta wireless dotata di batteria da 10 ore in modalità stand by e con un raggio di azione fino a 300 metri.

Una delle particolarità di Sixty riguarda il fatto che Sagemcom abbia deciso di realizzare una tastiera valorizzata da una pulsantiera formata da 13 LED, l’incavo dei tasti, invece, è in alluminio, mentre il disco della pulsantiera è cromato. La qualità costruttiva di questo prodotto è elevata ed anche al contatto si può sentire tutta l’attenzione che è stata riposta nel design e nella realizzazione. Ovviamente, riprendendo lo stile “Old School”, il nuovo Sixty integra al suo interno 10 suonerie, tra cui l’esatta riproduzione dell’originale ring ring.

SIXTY_pers_2_zoom

A nostro avviso, quindi, Sixty rappresenta un telefono cordless in grado di far rivivere ricordi a tutti coloro che hanno utilizzato per anni questa tipologia di telefoni, ma allo stesso tempo vi sono integrate, al suo interno, tutte le tecnologie più avanzate dei telefoni DECT cordless come la segreteria telefonica, filtro di chiamate, rubrica da 150 numeri, registro delle chiamate con orario, data e durata della conversazione, funzione vivavoce e compatibilità GAP e PABX. Sixty, quindi, rappresenta un telefono cordless unico nel suo genere e crediamo che sia un ottimo elemento di arredo, in qualsiasi tipologia di ambiente.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273