Top

G Data: Il Cyber Crimine Colpisce Per Natale

Un recente studio di G Data mette in guardia dalle frodi online e sottolinea come il cyber crimine, ancora oggi, preferisca colpire durante il periodo natalizio, visto l’aumento dello shopping online. Secondo gli ultimi dati i cyber criminali approfittano di questo trend utilizzando email fittizie o contraffatte per inviare email o offerte last minute.

Riuscire a rubare i dati delle carte di credito e degli accessi a servizi come PayPal offre la possibilità, ai cyber criminali, di avere a disposizione una notevole quantità di dati fondamentale per rubare grandi quantitativi di denaro. Andiamo a vedere in dettaglio.

G Data

Il Cyber Crimine Non Ha Confini

Il cyber crimine, per il periodo natalizio, è sempre in agguato. Le modalità di attacco sono molteplici, in particolare vengono inviate false conferme di spedizione, in cui il messaggio suggerisce che un pacco non può essere consegnato o che una nuova fattura è disponibile presso il servizio clienti. Queste email, molto spesso contengono link a siti web infetti o allegati pericolosi.

Un’altra tecnica di attacco riguarda prodotti di marchi famosi, come orologi di lusso, smartphone o molti altri prodotti di design che vengono venduti da parte di finti negozi. Per effettuare il pagamento è necessario accedere ad una falsa pagina web di PayPal con la quale vengono rubati i dati dell’account. Infine, l’ultima tecnica riguarda i saluti di Natale tramite cartoline digitali.

Queste contengono allegati infetti con un’ampia varietà di malware o link che rimandano a siti infettatati con malware. Come potete ben vedere, quindi, esiste una vasta tipologia di attacchi e G Data suggerisce alcune precauzioni per prevenire tutto ciò.

Piccoli Accorgimenti Molto Utili

I consigli di G Data, per effettuare acquisti online, sono semplici e rapidi. Innanzitutto oggi è necessario dotarsi di una protezione completa per ogni PC, ad esempio dotata di protezione in tempo reale per la navigazione, un firewall ed un software antispam. Possedere sul proprio computer l’ultima versione del sistema operativo e del software è fondamentale per ridurre al minimo i rischi ed i casi in cui i criminali sfruttino alcune falle di sicurezza per i loro attacchi.

spam_royalmail_122013_anonym_v2

Anche per quanto riguarda l’home banking, durante i trasferimenti di denaro e le transazioni bancarie via Internet conviene sempre utilizzare una procedura di autenticazione a due livelli. G Data BankGuard, che è implementata nei software G Data 2014, offre a tale riguardo una protezione addizionale.

Bisogna, inoltre, stare attenti ai negozi online prima di fare acquisti, leggere i termini generali, condizioni e costi di spedizione. Una ricerca online può essere utile per sapere se il sito web è affidabile o meno. In particolare quando ricevete un’email di spam, con offerte false, vi consigliamo di non leggerle, non cliccare sui link contenuti ed eliminarle fin da subito.

Per riconoscere un’email di spam guardate, innanzitutto, l’intestazione ed il mittente. Le email di spam sono riconoscibili dal fatto che vengono, molto spesso, inviate da email “particolari” ed hanno intestazioni che trattano principalmente offerte di varia natura.

Per quanto riguarda i pagamenti in Internet, controllate sempre gli indicatori di sicurezza del browser come il lucchetto visualizzato nella linea dell’indirizzo e l’abbreviazione ‘https’ prima dell’indirizzo stesso. Questo è sinonimo di connessione sicura e cliccando sul lucchetto potete visualizzare anche il certificato del sito web.

Questi piccoli suggerimenti possono risultare utili per la maggior parte degli utenti, soprattutto quando è complesso riuscire a distinguere un’email di spam da una originale. Quali sono i vostri suggerimenti a riguardo?

Spam-Mail_Weihnachtsgeschenke-Shopping

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273