Top

Il “Google Bombing” Colpisce il Profilo di Facebook di Sarkozy

A farne le spese, stavolta, è stato il Presidente francese Nicolas Sarkozy: il “colpevole” si chiama Google Bombing, ed è una famigerata tecnica che sfrutta una peculiarità dell’algoritmo PageRank (l’algoritmo su cui si basa Google, ndr) per causare qualche grattacapo imbarazzante alle vittime.

Sarkozy, o meglio la sua pagina ufficiale su Facebook, è stata così l’ignara destinataria di alcuni sarcastici (o forse polemici) webmaster. In pratica, ricercando la parola “stronzo” (in francese) sul motore di ricerca di MountainView, il primo risultato di ricerca che ne vien fuori è nientedimeno che la pagina di Facebook del Presidente.

Sarkozy “bombardato”: per Google Search è uno “stronzo”

La bravata, però, non è per nulla illegale. E così, mentre le istituzioni di Parigi si nascondono in un imbarazzato silenzio, da Google chiariscono che questa tecnica “non influisce nella qualità del servizio del motore di ricerca”.

L’idea si base sul fatto che un sito raggiunge l’apice dei risultati di ricerca se è popolare, ossia se tantissimi altri siti hanno dei link che rimandano ad esso. E’ bastato allora inserire un link, in centinaia di siti web, con scritto stronzo e farlo puntare alla pagina ufficiale di Sarkozy per ottenere l’effetto desiderato.

Se da un lato ne ha rimesso, stavolta, solo l’immagine del criticato presidente francese, dall’altro si pone un inquietante problema: è vero che i risultati di ricerca non possono essere manipolati e non è consentito pagare per migliorare il posizionamento. Ma è anche vero, a questo punto, che con grossi mezzi è possibile dar visibilità ad un sito in un campo semanticamente opposto: immaginate, allora, cosa potrebbe accadere se ricercando “siti pericolosi” al primo posto trovassimo Kaspersky.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273