Top

Google: Cambiano Le Regole Per Gli Sviluppatori Del Play Store

Uno dei maggiori artefici del successo di Android è senza dubbio il Play Store, in precedenza conosciuto con il nome di Android Market (si sa che a Google piace cambiare logo e nomi ai propri prodotti ogni cambio di stagione :D).

Lo store virtuale di applicazioni, infatti, conta oggi ben 1 milione e più di applicazioni a disposizione degli utenti che, per ogni singola app, hanno decine di alternative avendo quindi la possibilità di scegliere la migliore.

Tuttavia in questi giorni Google ha annunciato un cambiamento nelle regole di pubblicazione delle app, il che invita gli sviluppatori ad adattare le proprie applicazioni, vediamo nel dettaglio cosa sono queste modifiche e quanto impatteranno sulle applicazioni.

Google-Play-Store

Sviluppatori al Lavoro: Ecco Come Cambiare le App

Le regole, come risaputo, sono sempre molto più ferree di quanto si possa pensare: anche se Play Store, rispetto ad App Store, è molto più acconsenziente ha comunque le sue regole che gli sviluppatori devono seguire, pena esclusione dalla pubblicazione delle applicazioni sullo Store.

Tra i vari punti discussi da BigG nel nuovo regolamento figurano in primis i contenuti erotici che adesso sono stati completamente vietati e, dunque, le applicazioni che seguivano questo genere di tematica ora saranno rimosse, anche se difficilmente perderanno il proprio pubblico di affezionati.

Per il resto, vi lasciamo ad un pezzo tratto integralmente dal comunicato Google per i developers.

Le app pubblicate su Google Play non possono beneficiare di o adottare, direttamente o indirettamente, il seguente comportamento:

  • Promozione tramite annunci ingannevoli su siti web, app o altre proprietà, inclusi avvisi o notifiche simulati di sistemi, servizi o app
  • Promozione o l’installazione di stratagemmi che causano il reindirizzamento a Google Play o il download dell’app senza l’azione consapevole dell’utente
  • Promozione non richiesta tramite servizi SMS

È tua responsabilità assicurarti che nessuna rete pubblicitaria o affiliata utilizzi tali metodi per indirizzare gli utenti a pagine che rendono disponibile la tua app per il download.

Uniformatevi, dunque, se anche voi siete sviluppatori e non volete vedervi chiudere in faccia le porte del vostro account e quindi le porte di tutti i possibili utenti che potrebbero voler utilizzare la vostra app. 😉

Cosa ne pensate di questo cambio di rotta, siete contenti e ritenete giuste le nuove norme o pensate che siano inutili o eccessivamente limitative? Attendiamo i commenti sia degli utenti Android user, sia degli sviluppatori, vediamo se nasce una bella discussione accesa su questa tematica.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273