Top

Google Glass – L’Epopea degli Occhiali Del Futuro

Le potenzialità di una tecnologia integrata in un paio di occhiali da poter utilizzare in modo quotidiano è immensa, potremo infatti gestire tutta la nostra vita digitale ovunque in modo semplice ed immediato. L’azienda di Mountain View, però in questi giorni, ha fatto trapelare un video che ha girato tutta la rete. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Gli Occhiali Digitali

Molte aziende tendono a mantenere segreti i loro prototipi cercando di aumentare la suspance. Google, invece, affronta il futuro preannunciandolo sul web e soprattutto su Google+ quasi tutti i loro progetti. In questi ultimi giorni dai laboratori segreti (Google[x]) di Google è stata creata una pagina chiamata Project Glass con all’interno un video che illustrava le potenzialità di questa futura tecnologia.

Il video che abbiamo inserito in questo articolo, ovviamente, è una bozza creata da parte di Google[x] per mostrare come potrà essere il nostro futuro. Vengono illustrate molteplici funzioni, tra cui l’aggiornamento in tempo reale del proprio account Google+, il riconoscimento vocale integrato, Hangouts, news e feed in tempo reale e molto altro ancora.

Il video, pur essendo un’idea, mostra potenzialità immense di occhiali che ci permetteranno di essere sempre connessi ovunque siamo e di condividere la nostra vita personale su Google+.

Nella pagina dedicata al Project Glass il video viene introdotto da queste parole:

A group of us from Google[x] started Project Glass to build this kind of technology, one that helps you explore and share your world, putting you back in the moment. We’re sharing this information now because we want to start a conversation and learn from your valuable input. So we took a few design photos to show what this technology could look like and created a video to demonstrate what it might enable you to do.

Cosa ne pensate? Questo sarà veramente il futuro?

Link | Google Project Glass

Google Glass E Il Porno: Un Connubbio Inevitabile

Il progetto Google Glass, oltre ad essere una tra le più attese novità dal mondo IT, è stato atteso anche dall’industria porno con la finalità di rivoluzionare lo stile POV. La finalità sarebbe quella di fornire agli utenti un migliore punto di vista, molto più realistico, e anche gli utenti su Twitter hanno pensato a questa ipotesi. Cosa succederà?

Google Glass Per Geek E Non Solo

Qualche settimana fa è stato presentato il progetto Google Glass durante la Google I/O, già in un articolo ne abbiamo parlato riguardo alle tecnologie che  sono state implementate e che possono cambiare la nostra vita quotidiana e salvare ricordi audio visivi dalla nostra prospettiva visiva.

Durante la presentazione e la demo di questo prototipo, su Twitter sono subito circolate voci riguardo ad un possibile utilizzo nel mondo del porno. Questa idea non è solamente apparsa nelle menti degli utenti di Twitter bensì ha colpito anche Quentin Boyer, portavoce di Pink Visual, che ha sottolineato come potrebbero rivoluzionare lo stile POV (Point of View) permettendo così agli utenti finali di immedesimarsi maggiormente nell’azione.

“The style of porn known as ‘point of view’ (‘POV’ for short) has been a popular type of content for quite a while now. Obviously, a device that allows you to shoot high quality video in a truly hands-free fashion will make shooting POV porn that much easier,”

I Google Glass, quindi, potranno essere uno strumento di lavoro per Pink Visual ed altre case produttrici di video in questo settore. Quentin Boyer, inoltre, ha aggiunto che non vede l’ora di poter ricevere i Google Glass per effettuare una serie di test e vedere le future potenzialità e l’effettivo funzionamento degli stessi.

“To really know their full potential, we’ll need to get a pair to play around with, but we’re already dreaming up ways to use the glasses to get shots (sex-related and otherwise) that just aren’t feasible using a traditional camera setup,”

Anche altre aziende di questo settore stanno cercando di immaginare e rivoluzionare quest’industria che genera miliardi di profitti ogni anno. Cosa ne pensate?

Link | PcMag

@albertmarini

90% Americani Dice No A Google Glass

Secondo un recente sondaggio di Bite Interactive, riguardante l’arrivo sul mercato e l’utilizzo dei Google Glass, gli americani hanno espresso un parere negativo nei confronti dell’ultimo dispositivo all’avanguarda di BigG. Andiamo a vedere in dettaglio.

bachmann_610x475

No Google Glass, No Party?

Se pensate che gli americani, un giorno, vorranno indossare i Google Glass per essere ancora di più social, allora vi sbagliate. Anche se qualche settimana fa la repubblicana Michele Bachmann ha provato i Google Glass, la maggior parte degli americani per il momento è ancora scettica nell’indossare occhiali in grado di mantenerci connessi 24 ore su 24 ad internet ed alle piattaforme social di Google.

Un sondaggio di Bite Interactive ha evidenziato che solamente il 10% di americani, certamente, indosserebbe il Google Glass in futuro. Questa “resistenza” nei confronti di una tecnologia all’avanguardia è dovuta principalmente al fatto che l’utenza non desidera essere riconosciuta e “spettacolarizzata” poichè indossa occhiali fantascientifici.

Una delle frasi che ricorre più spesso tra gli utenti è quella di “stranezza da social network”, parole che dimostrano come le persone sembrano preoccupate del fatto di non essere più persone quando indossano i Google Glass. Infatti, l’invenzione di BigG è uno strumento che offre un migliore accesso alle informazioni ma potrebbe ostacolare le interazioni umane.

Una delle grandi sfide che il mondo IT ha di fronte è quella di riuscire a non creare questa tendenza di paura da social network ed allo stesso tempo deve riuscire a realizzare dispositivi che veramente possano essere utili sia per accedere a contenuti ma anche per aumentare le interazioni umane. Cosa ne pensate? Indossereste i Google Glass per strada?

“At worst, they (real people) fear social sleights of hand: researching topics, recording video, or Googling a person in mid-conversation. Overall, what Glass offers is a combination of high social rejection with features the average person simply doesn’t value over their current smartphone.”

sergey-brin-google-glass-0020_610x407

Link | cnet

Google Glass: Disponibili Con Lenti Graduate

Una delle novità forse più importanti dell’ultimo decennio nel panorama della tecnologia è sicuramente la nascita degli occhiali dalla realtà aumentata: parliamo di Google Glass, la novità presentata da Google da alcuni mesi che, purtroppo, ancora non è disponibile al pubblico ma solamente per gli sviluppatori. Ciò che forse ha frenato un po’ la diffusione di questo prodotto è l’impossibilità di adattarsi con gli “sfortunati” possessori di occhiali da vista. Perchè?

glass11-520x346

Da oggi finalmente anche tutti i possessori di occhiali da vista potranno utilizzare i Google Glass a bordo di una montatura “ottimizzata” per questo tipo di utilizzo. Il costo di queste montature con lenti graduate, per adesso solamente 4 modelli (unisex) disponibili in 8 colorazioni ciascuno, si aggira intorno ai 225 dollari, prezzo che si andrà a sommare agli oltre 1500 dollari già richiesti per l’acquisto di un paio di Google Glass.

Seppur i costi siano ancora abbastanza elevati, l’azienda di Mountain View continua a fare passi da gigante nello sviluppo di questo prodotto che sicuramente tra non molto potremo vedere sugli scaffali dei negozio di tecnologia. Nel video qui di seguito potete vedere tutte le montature disponibili della Titanium Collection, realizzati dalla stessa Google per l’occasione. Chissà, magari un giorno entrerà anche nel settore dell’ottica! 😛

Google Glass: Causano Mal Di Testa?

Stare troppo tempo davanti ad un computer, alla tv, alo smartphone e via dicendo si sa che può causare mal di testa, ma nessuno ha mai “accusato” le varie case produttrici. Ciò, invece, non è successo a Google che è stata accusata da Chris Barrett, uno dei tester di Google Glass più conosciuti, di aver prodotto un dispositivo che a lungo andare provoca forti mal di testa!

56

 

Probabilmente in molti si saranno già fatti questa domanda, ma mai nessuno è arrivato a fare delle conclusioni. Tuttavia ci ha pensato Chris Barrett che, dopo settimane intense di test, ha imputato ai Google Glass la causa dei suoi forti mal di testa. Qui di seguito potete leggere integralmente la sua testimonianza.

Il primo mal di testa si è manifestato nella prima settimana di utilizzo. Indossavo Glass ogni giorno, tutto il giorno: da Starbucks, al supermercato, al volante e in ufficio. Non c’è stato un minuto in cui io non l’abbia indossato. Dal secondo giorno di utilizzo ho iniziato a cercare su Google ogni cosa, impressionato dalla nuova tecnologia, per mostrarla ai miei amici, scattando foto e registrando video. Dopo alcune ore, ho iniziato ad avvertire mal di testa. Solitamente non soffro di emicrania. Ho pensato fosse solo stanchezza, così ho deciso di riposarmi.

In ogni caso, nulla di così preoccupante, anche perchè i normali occhiali 3D per la tv fanno più o meno lo stesso effetto se li utilizziamo a lungo.

I Poliziotti Di NY Ne Avranno Un Paio

Quanto può essere utile la tecnologia nella vita? Sicuramente diremmo che ci ha migliorato molti aspetti della vita quotidiana, anche se altri momenti sono stati completamente distrutti dalla tecnologia. Ad ogni modo, se conoscete i Google Glass, pensate possano essere utili in un distretto di polizia?

Presto a New York

googleglassbrin_large_verge_medium_landscape

 

Secondo gli ultimi rumor apparsi su VentureBeat, il dipartimento di polizia di New York, uno dei più grandi d’America, potrebbe fornire in dotazione ai propri agenti un paio di Google Glass per avvantaggiarli durante il lavoro, soprattutto a tutti coloro che normalmente sono di pattuglia.

Abbiamo un paio di Google Glass e li stiamo provando, per capire se possono essere utili alle nostra indagini, soprattutto per le squadre di pattuglia. Li stiamo testando, per capire come funzionano. Pensiamo che possano svolgere una funzione importante durante le operazioni di pattuglia nelle strade di New York City. Staremo a vedere.

Ancora non si sa quanto questo tipo di tecnologia possa essere utile ai poliziotti, ma sicuramente delle analisi più attente potrebbero rivelarci molti più particolari. Nel frattempo, anche un vigile del fuoco negli Stati Uniti sta elaborando un’applicazione per Google Glass che possa essere in grado di aiutare l’uomo (nel senso di Vigile del fuoco) durante le situazioni più difficili e complesse. Cosa ne uscirà fuori? Ciò che è sicuro è che la tecnologia continuerà sempre a stupirci. Stay tuned!

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273