Top

Healthy Seas: Dalle Reti Ai Tessuti

Recentemente vi abbiamo parlato di Aquafil, azienda che ha sviluppato un nuovo processo industriale di rigenerazione del nylon 6, denominato ECONYL. Oltre a tutto ciò, però, Aquafil assieme ad ECNC Group e Star Sock hanno realizzato un’iniziativa, veramente interessante, denominata “Healthy Seas, a Journey from Waste to Wear”. Il principale obiettivo di Healthy Seas, infatti, è quello di recuperare le reti da pesca presenti nel mare con l’obiettivo di riclare tutto il nylon 6 presente e produrre nuovi prodotti tessili. Andiamo a vedere in dettaglio, quindi, quali saranno i benefici di Healthy Seas.

HealthySeasSock

“Healthy Seas, a Journey from Waste to Wear”

Uno dei principali problemi presenti nei nostri oceani riguarda le reti da pesca abbandonate. Infatti, secondo un report di FAO ed UNEP vi sono approssimativamente 640 mila tonnellate di reti abbandonate nei nostri mari e circa cinque miliardi di rifiuti, di cui buona parte bottiglie di plastica. Le reti da pesca rimangono nell’ecosistema marino per centinaia di anni e sono le principali responsabili della cattura di delfini ed altri animali marini. Riuscire a recuperare buona parte di queste reti abbandonate rappresenta un obiettivo estremamente importante e le odierne tecnologie, come il processo produttivo ECONYL, sono alla base del progetto Healthy Seas.

Grazie alla collaborazione tra Aquafil, ECNC Group e Star Sock già oggi sono state recuperate oltre 20 tonnellate di reti che erano presenti nei fondali del Mare del Nord. Il progetto Healthy Seas, nella sua prima fase, primavera 2014, sarà implementato in tre regioni pilota, il Mare del Nord (Olanda e Belgio), il Mar Adriatico (Italia, Slovenia e Croazia), ed il Mar Mediterraneo (Spagna). Questa fase permetterà di ottimizzare e capire quale siano le azioni più importanti da intraprendere in futuro, per estendere il progetto su più ampia scala.

Aquafil Portoroz 4.10.2013 - Photo Ziga Intihar-153

Healthy Seas, però, non ha come obiettivo solamente quello di recuperare le reti, bensì vuole scoraggiare l’abbandono delle reti da pesca nei mari e far comprendere quanto sia importante recuperare e rigenerare il nylon 6 in nuovi prodotti. L’obiettivo finale, quindi, è quello di raggiungere l’opinione pubblica ed, in particolare, i governi a far sì che il progetto Healthy Seas possa avere ottimi risultati nel lungo periodo.

Econyl filo

Le tecnologie, abbinate alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, saranno fondamentali per riuscire a recuperare ed a diminuire l’abbandono delle reti. Healthy Seas, quindi, è un progetto che grazie alla collaborazione di Aquafil, ECNC Group e Star Sock sarà fondamentale per poter rendere i nostri mari più puliti e produrre tessuti rigenerati dal nylon 6.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273