Top

Hugo Bara in Xiaomi Valutata 10 Miliardi, Red Rice Vendute di 90 Secondi

Hugo Bara: Addio Google, Benvenuta Xiaomi

13 - 1

Purtroppo ogni cosa bella ha una fine, ed è proprio quel che è successo tra Hugo Bara e Google che, ai ferri corti, hanno deciso di porre fino al loro progetto lavorativo che ormai andava avanti da anni: un progetto ricco di soddisfazioni e successi che in Google non sono mai mancati negli anni. Tuttavia Bara, Android Product Management in Google, ha deciso di intraprendere la strada della Cina, entrando a far parte del team di Xiaomi.

Un Accordo Fruttuoso

Hugo Barra

Dopo anni ai vertici dello sviluppo di Android, Bara ha deciso di cambiare aria per dirigersi in Cina, patria di Xiaomi che, nell’ultimo periodo, grazie alla diffusione di terminali ottimi in fatto di design e prestazioni, sta diventando una azienda di grande calibro su tutto il panorama mondiale. Sul profilo Google+ di Bara, è apparso il “comunicato” con il quale ha annunciato la sua decisione a tutti i suoi seguaci.

Dopo quasi cinque anni e mezzo a Google e tre anni come membro del team Android, il migliore gruppo di persone mai conosciuto, ho deciso di iniziare un nuovo capitolo nella mia carriera. Nelle prossime settimane mi unirò al team di Xiaomi in Cina, per aiutarli ad espandere il loro incredibile portfolio di prodotti e a far crescere il loro business internazionale, nel ruolo di vicepresidente di Xiaomi Global. Sono pronto per questa nuova sfida e particolarmente felice per l’opportunità di continuare a lavorare sull’ecosistema Android. È stato un grande onore essere parte del team Android di Google. Voglio ringraziare in particolar modo Andy Rubin, Hiroshi Lockheimer, Sundar Pichai e Vic Gundotra per il loro incredibile supporto e per ciò che mi hanno insegnato nel corso di questi anni. Android team, mi mancherai davvero!

Una esperienza nuova, dunque, quella di Bara che si troverà in un paese completamente nuovo a rapportarsi con nuove tecnologie e altri standard di prodotti. Cosa ne uscirà?

Link| Google Plus

Xiaomi Vale 10 Miliardi Di Dollari

Il mondo smartphone sta vedendo l’arrivo di “piccoli” produttori cinesi in grado di vendere milioni di dispositivi in un breve lasso di tempo. Xiaomi è una di quelle aziende che sta crescendo rapidamente ed in questi ultimi giorni è stata valutata 10 miliardi di dollari, superando le previsioni degli analisti.

xiaomi2-600x250_580-0

Xiaomi Cresce Rapidamente

In Cina, ultimamente, gli smartphone sono al centro dell’attenzione, in particolare aziende come Samsung ed Apple devono lottare contro concorrenti come Lenovo, ZTE, Huawei e Xiaomi. Quest’ultima azienda è veramente giovane ed il fondatore Lei Jun ha reso noto, attraverso Sina Weibo, che l’azienda ha raggiunto una valutazione pari a 10 miliardi di dollari.

I rumors che erano circolati precedentemente suggerivano una valutazione che si sarebbe avvicinata a 9 miliardi, ma Xiaomi sta rapidamente crescendo e l’ultima valutazione permette di comprendere, come in Cina, la crescita del settore degli smartphone stia trainando a livello globale le vendite. Vi è da sottolineare, inoltre, che lo scorso mese Xiaomi annunciò di essere riuscita a raggiungere entrate pari a 2.15 miliardi con oltre 7 milioni di dispositivi venduti, durante la prima metà del 2013. Considerando che le entrate complessive di Xiaomi, nel 2012, erano state pari a 2.06 miliardi, si nota una solida crescita.

Il fondatore Lei ha spesso descritto Xiaomi come la nuova Apple cinese, soprattutto visto il carisma che ricorda quello di Steve Jobs ed i dispositivi riprendono un approccio simile a livello di design. I margini di guadagno di Xiaomi, tuttavia, si avvicinano a quelli di Amazon e quest’ultima punta a vendere prodotti sottocosto per poi guadagnare sui contenuti. Xiaomi, inoltre, ha presentato, verso la fine di luglio, lo smartphone più “low-cost” di sempre, denominato Red Rice, ed è riuscita ad ottenere oltre 7 milioni di prenotazioni, avendo sold-out le prime 100 mila unità in soli 90 secondi. La valutazione di 10 miliardi di Xiaomi, comunque, se comparata ad Apple e Samsung, risulta veramente “insignificante” ma dobbiamo sottolineare che il mercato cinese è immenso ed è ancora lontano dalla saturazione completa. Cosa ne pensate?

Link | TheNextWeb

Xiaomi Red Rice: Vendute Di 90 Secondi

Xiaomi-Hongmi-sales-02-668x380

Negli scorsi mesi siamo stati abituati a veder registrare vendite da capogiro ad aziende del calibro di Xiaomi. Forse in Italia non è molto conosciuta, nonostante gli smartphone prodotti siano di altissima qualità sia nei materiali che nell’hardware. Forse per pregiudizi, o forse per difficoltà nell’importazione dalla Cina, gli esemplari di Xiaomi in Italia non sono molto diffusi, nonostante riescano a spaziare nelle varie fasce di prezzo.

Sold Out In 90 Secondi

Il dispositivo in questione è lo Xiaomi Red Rice, o meglio conosciuto come Hongmi, uno smartphone di fascia medio bassa che ha letteralmente conquistato il pubblico cinese con il suo design e il suo prezzo davvero irresistibile: soli 129$ per uno smartphone che ne vale almeno il doppio! Siamo infatti in presenza di un dispositivo dotato di processore Quad Core Mediatek  MT6589T e di un display da 4,7 pollici con risoluzione HD. Annunciato alcune settimane fa e preordinato da ben 7,5 milioni di persone, lo smartphone ha fatto registrare vendite da capogiro in soli 90 secondi dall’apertura ufficiale delle vendite.

Ancora una volta un grandissimo risultato per Xiaomi e per questo smartphone low end che non vedrà mai il panorama europeo, a causa del supporto alle sole reti TD-SCDMA 3G, vale a dire quelle presenti su tutto il territorio cinese. Intanto, secondo alcune statistiche, si stima che le vendite raggiungeranno i 15-20 milioni di esemplari nel corso delle prossime settimane.

Link|Tech Asia

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273