Top

IBM Crea Computer Prendendo Spunto Dal Cervello

Ultimamente, nei laboratori di IBM, si sta studiando come ricreare l’architettura del cervello umano all’interno dei chip. I traguardi finora raggiunti permettono di sperare nel futuro, anche se il raggiungimento dell’obiettivo è ancora lontano. Andiamo a vedere in dettaglio cosa sta succedendo.

 w680

IBM Guarda Al Futuro

Il nostro cervello è incredibilmente ricco e complesso di potenza computazionale che IBM è interessata a riprenderla come esempio per creare una nuova forma di architettura di computazione. Nel 2011, IBM ha collaborato al programma SyNAPSE realizzato dal DARPA grazie al quale è stato sviluppato un chip neurosinaptico. Questo chip, infatti, ha simulato alcune funzionalità del cervello, ma adesso l’idea dietro a questo progetto è quella di creare qualcosa di molto più realistico.

Creare una nuova architettura di computazione è l’obiettivo di IBM e, non a caso, nei laboratori stanno già sviluppando novità uniche come simulatori software multi-thread in grado di replicare le modalità con cui il nostro cervello gestiste i dati. Il modello di neurone utilizza computazioni deterministiche e stocastiche e tutto ciò, ovviamente, richiede hardware in grado di avere performance al punto tali da ricreare questa capacità computazionale.

Ovviamente il primo pensiero va verso un futuro in cui i computer potranno pensare e processare i dati avvicinandosi a come già avviene nel cervello umano. Siamo ancora lontani da risultati in grado di raggiungere il livello computazionale di un cervello umano e, non a caso, recentemente è stato effettuato un test in cui 83000 processori di un supercomputer sono riusciti a ricreare l’1% del cervello umano. Q

uesto progetto, pur essendo veramente estremo, non sembra spaventare IBM e l’obiettivo, infatti, è posto a lungo termine. Riuscire a costruire un computer con oltre 10 miliardi di neuroni, centinaia di trilioni di sinapsi che consumano circa un chilowattora ed occupa meno di due litri a livello di volume, questa sì che è una vera e propria sfida. Cosa ne pensate di questo progetto? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti all’articolo, vi ricordo che potete usare anche i commenti di Facebook.

Quindi, come è appena stato annunciato, è una questione di costruzione di tanti tipi di cose strane e meravigliose: simulatori di software multi-threaded che replicano il modo in cui il cervello elabora dati; un modello di neurone che utilizza calcoli deterministici e stocastici per dare un senso al mondo; e programmi realizzati array di “corelets”, ognuno dei quali rappresenta un discreto nucleo neurosinaptici. Questa è roba è davvero fantascienza.

Link | Gizmodo

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273