Top

Intel Presenta Il Futuro

Il futuro è più vicino che mai, lo pensano anche ad Intel. Gli ingegneri dell’azienda di Santa Clara, infatti, stanno studiando nuove tecnologie d’interazione ed anche nuovi campi di applicazione di quest’ultime. Negli ultimi giorni, Intel ha presentato quali saranno le tecnologie che entreranno nella nostra vita quotidiana ed anche nelle case del futuro. Andiamo a vedere in dettaglio.

all_1

Un Futuro Che Promette Bene 

La tecnologia, ormai, sta sempre di più diventando parte integrante della nostra vita. Chi di voi la mattina si alza, accende il computer o lo smartphone per vedere le e-mail e poi fa colazione? Gli oggetti quotidiani che utilizziamo come televisioni, tablet e smartphone stanno diventando sempre di più multimediali. Intel è una delle principali aziende che in questi anni sta già sviluppando tecnologie che vedremo implementate sui computer del futuro. Gli ingegneri di Santa Clara, infatti, grazie a nuove tecnologie stanno realizzando un’esperienza multimediale, per l’utente finale, completamente “full-immersive”. In questi ultimi giorni, Intel ha mostrato in anteprima alcune tecnologie in fase di sviluppo ed altre tecnologie, invece, che rappresentano l’immediato futuro.  Andiamo a vedere in dettaglio il presente, l’immediato futuro e le tecnologie del futuro.

Presente

Intel NUC

nuc

Una delle principali evoluzioni nel campo IT è stata la diminuzione delle dimensioni dei dispositivi. Grazie a questi passi in avanti Intel ha realizzato NUC (Next Unit of Computing), computer di cui avevamo già parlato qualche mese fa. Attualmente NUC è un computer che può essere posizionato in prossimità della TV di casa o anche per soluzioni di chioschi digitali. Le principali caratteristiche di questo computer sono il formato ridotto e la possibilità di decidere il quantitativo di RAM e la presenza o meno della porta Thunderbolt. Il NUC, quindi, rappresenta il presente ma, allo stesso tempo, può far pensare a come i computer diventeranno onnipresenti in tutti i dispositivi che utilizzeremo in futuro, soprattutto visti i progetti di Smart City e Smart Grid.

PC “AIO” E Tecnologia Intel Anti-Theft

theft

Non solo NUC è il presente, bensì anche i PC “All-In-One” e la tecnologia Anti-Theft. Durante il 2012 abbiamo assistito all’introduzione sul mercato di decine di Ultrabook e anche nuove tipologie di computer “All-In-One” adattabili, ovvero schermi da 20 a 27 pollici che integrano all’interno un vero e proprio PC ma che possono essere appoggiati ovunque ed anche facilmente trasportati. Ovviamente, a differenza degli Ultrabook, gli “All-In-One” adattabili sono visti come computer per l’home entertaiment. Un’altra tecnologia fondamentale, soprattutto oggi, è Intel Anti-Theft che offre la possibilità di impedire l’accesso ai dati e bloccare la propria unità qualora il nostro Ultrabook venga rubato. Intel Anti-Theft, a differenza di tecnologie simili, è a prova di manomissione perché la protezione è a livello hardware e, quindi, il dispositivo seppur venisse formattato rimarrebbe comunque bloccato.

aio_2


Futuro Prossimo

Riconoscimento Facciale E Non Solo

cam_2

Intel, con l’applicazione Face Log-On, punta ad offrire un metodo di accesso al proprio convertibile o Ultrabook in modo rapido ed intuitivo senza però trascurare la sicurezza. Infatti, la tecnologia Log-On non sfrutterà semplicemente il volto, bensì riconoscerà solamente volti reali, grazie al riconoscimento facciale in 3D e ciò permetterà di avere un maggiore livello di sicurezza rispetto alle versioni attualmente presenti sul mercato.

Eye-Tracking, Visore Gesturale E Videogames

world

L’interazione “uomo-macchina”, nei prossimi anni, diventerà fondamentale e si potrà assistere all’arrivo di computer che grazie a telecamere 3D riconosceranno la profondità degli oggetti nello spazio e, quindi, si aprirà la strada a nuove tipologie di servizi che potranno essere utilizzati solamente con le nostre mani. Il computer, inoltre, interagirerà con il proprietario e diventerà “intelligente” poichè potrà vedere i nostri movimenti e ci offrirà innumerevoli possibilità di gesture. Intel sta sviluppando tecnologie che permetteranno l’integrazione di telecamere 3D all’interno dei suoi Ultrabook ed ha dimostrato come queste tecnologie stiano compiendo dei grandi passi in avanti. Non solo le mani, ma anche gli occhi saranno uno strumento per comandare il proprio computer. Il software, quindi, unito alle telecamere 3D, sarà uno degli elementi fondamentali per avere la migliore esperienza utente possibile. Immaginate di poter entrare in casa, sbloccare il vostro Ultrabook con il volto e aprire il client email semplicemente con una gesture. Se volete effettuare uno scroll, invece, il software “inseguirà” i vostri occhi e sarà capace di “comprendere” quando è necessario scendere in basso o in alto. Queste tecnologie, quindi, apriranno le porte per nuove tipologie di interazione e, crediamo, saranno il prossimo “next big step” del mondo dell’informatica.

games

Riconoscimento Vocale Offline

Lo sviluppo di riconoscimenti vocali come Siri o S Voice ha dimostrato le principali potenzialità per gestire il proprio dispositivo solamente con la voce. Intel ha deciso di appoggiarsi a Dragon Assistant, software vocale che rappresenta un vero e proprio assistente personale che sarà in grado di avviare applicazioni, eseguire ricerche sul web, riprodurre musica e svolgere molte altre attività. Il computer, in particolare gli Ultrabook diventeranno dispositivi comandabili attraverso semplici comandi vocali che verranno elaborati e non obbligheranno ad avere bisogno di una connessione internet.

Wireless Display A 360 Gradi

La possibilità di esplorare un video a 360 gradi grazie al movimento del telefono permetterà di ricreare un’ambientazione realistica e 3D. Infatti, grazie a smartphone con tecnologia Intel Wireless Display gli utenti potranno acquisire diverse visioni/angolazioni del video semplicemente spostando il dispositivo in qualsiasi direzione.

Il Futuro Che Verrà

Vedere Attaverso La Pioggia

rain

Secondo Intel, il futuro sarà principalmente basato su tecnologie di interazione e che siano integrate all’interno delle automobili e non solo. Uno dei principali esempi è quella della “Visione attraverso la pioggia”, ovvero, grazie ad una collaborazione tra Intel Labs e Carnagie Mellon University sono stati sviluppati dei fari per auto che rilevano le gocce di pioggia mentre cadono e spengono selettivamente i singoli raggi nel punto in cui è prevista la caduta della goccia. Ciò, quindi, offrirà una visibilità migliore a fronte di un sistema che dovrà offrire tempi di latenza di pochi nanosecondi.

Display As A Service

daas

Anche le tecnologie di visualizzazione e trasferimento di contenuti tra computer, smartphone e tablet verso monitor o TV saranno fondamentali in futuro. La possibilità di guardare un film a casa spostandosi, però, anche da una stanza all’altra o in una casa di un vicino diventerà realtà in quanto, grazie alla tecnologia wireless, sarà possibile inviare il segnale video a qualsiasi dispositivo per la riproduzione su schermo.

daas_1

enLive

Infine, secondo Intel, anche l’ecologia sarà fondamentale, anzi, i nostri stili di vita saranno basati su un’impronta ecologica in modo tale da ridurre i consumi e ottimizzare l’utilizzo di risorse naturali. enLive è una piattaforma di gestione energetica semplice e scalabile per le abitazione, che in base alle nostre necessità prevederà le nostre esigenze e ci offrirà lo stesso livello di comfort ma con un’ottimizzazione dei sistemi di riscaldamento, idrici e di illuminazione.

A nostro avviso, tutte queste tecnologie potranno aiutare l’uomo a semplificare la propria vita ma sempre stando attenti ad avere uno stile di vita sostenibile in cui la tecnologia sarà uno, se non il principale, protagonista. Cosa ne pensate?

 

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273