Top

Ottimizzare Un Mac: Guida Completa

Dopo aver letto l’ottima guida completa per ottimizzare un PC parliamo oggi dei computer Mac di casa Apple.

Ebbene si, anche i computer Mac devono essere ottimizzati di tanto in tanto per evitare rallentamenti nel tempo e spreco di risorse del sistema.

Ecco come ottimizzare un Mac

Di seguito vediamo alcuni dei modi per ottimizzare le prestazioni di un Mac. Cominciamo!

I consigli di questo articolo  hanno a che fare con la riduzione del consumo di memoria, limitando il numero dei processi attivi e liberando spazio su disco, dato che un drive troppo pieno (specialmente  sopra il 90%) può rallentare il vostro Mac.

Innanzitutto sfatiamo il mito della deframmentazione: grazie a una serie di tecnologie implementate da Apple per i propri Os, i dischi dei computer Mac non hanno bisogno di essere deframmentati manualmente.

Anzi, come spiegato in questo articolo ufficiale di Apple, Mac Os X  necessita di una serie di dati prioritari che devono essere elaborati rapidamente dalla CPU  in aree particolari del disco. Procedere a un loro spostamento, tramite deframmentazione, rischierebbe di rallentare il sistema.

Questi sono i suggerimenti per ottenere il massimo dal vostro  Mac senza investire in aggiornamenti hardware:

1_ Pulizia degli elementi all’avvio:

Come in Windows, alcune applicazioni possono essere impostate come “elemento di avvio”, che li induce ad aprirsi ad ogni riavvio del sistema. È possibile scoprire cosa c’è nel tuo elenco degli elementi di avvio visualizzando il menu Apple> Preferenze di Sistema> Account> Elementi login. Potreste essere sorpresi di quante applicazioni indesiderate potreste trovare.

Per rimuoverle, è sufficiente selezionare la voce facendo clic sul suo nome e poi premere il tasto “-” in fondo alla lista. E’ bene  essere sicuri di  cosa si sta rimuovendo, altrimenti potreste ritrovarvi con qualche funzionalità in meno ma desiderata, la  prossima volta che si riavvia.

2_ Disintallare le applicazioni del tuo Mac.. Ma veramente!:)

Ma come?Non è sufficiente tascinare le applicazioni indesiderate nel cestino nei Mac? Il procedimento è corretto ma alcune volte possono rimanere nel drive alcuni  File  (ad esempio quello delle “preferenze”) che non interferiscono con le prestazioni ma se lasciati proliferare contribuiscono nel tempo a privare spazio sul drive.

Fortunatamente esiste un comodo tool per rimuovere questi file indesiderati.AppCleaner è una piccola applicazione che permette di eliminare  completamente applicazioni indesiderate scovando tutti i file, ormai inutili, associati a tali applicazioni; è estremamente facile da usare con la sua interfaccia drag and drop.

3_ Disattivare  “Accesso Universale”, Bluetooth, riconoscimento vocale, e Condivisione Internet se non necessari:

Dalle Preferenze di Sistema , date un’occhiata a un altro paio di cose. Apple attiva una serie di caratteristiche molto utili. La modalità  “Universal Access “offre, tra le altre cose, aiuto per gli utenti ipovedenti, Bluetooth (che permette di usare alcuni dispositivi  in modalità wireless) e condivisione Internet. Se non utilizzate queste funzionalità, verificate che essi siano spenti. Questo vi  farà risparmiare quantità di memoria RAM e risorse del processore.

Sempre dal pannello delle preferenze  del sistema cliccate sull’etichetta “altro” e verificate bene quali funzionalità utilizzate realmente e se necessario disattivate le voci che ritenete non prioritarie.

4_ Sbarazzarsi di lingue e traduzioni non necessarie.

Apple è molto premurosa nel fornire localizzazioni di lingua per molti, molti linguaggi.  La probabilità che usiate localizzazioni diverse dalla vostra madre lingua sono molto basse, inoltre eliminandole otterrete  più efficienza in termini di spazio su disco che non fa mai male.

Monolingui è un programma per rimuovere le risorse linguistiche inutili da Mac OS X, al fine di recuperare diverse centinaia di megabyte di spazio su disco. Richiede almeno Mac OS X 10.5 (Leopard) e funziona anche su Mac OS X 10.6 (Snow Leopard).

5_ Disco troppo pieno!

La famiglia  Mac OS X, come i suoi precedenti,  usa lo spazio libero sul disco rigido come “memoria virtuale” : l’esecuzione in modo efficiente delle risorse nel sistema dipende in larga misura anche da questa. Se stai iniziando ad accusare una certa lentezza nel tuo Mac, potrebbe essere perché il disco è troppo pieno. Ci sono molti modi per pulirlo ma una delle regole d’oro è quella di non riempirlo mai sopra una certa soglia, tipo oltre il 90% di spazio utilizzato.

Dopo i consigli utili veniamo alla raccomandazione di alcuni tool di sistema che  in molti casi possono migliorare le prestazioni del vostro Mac, fermo restando che per veri cambiamenti bisognerebbe pensare all’aquisto di componentistica hardware, in primis  qualche nuovo banco di RAM.

6_  Due Tool per accelerare il tuo Mac

Il Tool pluripremiato e freeware dal nome OnyX è un programma di utilità multifunzionale per Mac OS X che consente di riparare i permessi del disco di avvio del Mac e la struttura dei suoi file di sistema, di eseguire compiti  di manutenzione del sistema, di configurare alcuni parametri nascosti del Finder, Dock, QuickTime, Safari, iTunes, finestra di Login, Spotlight e molte applicazioni di Apple.

Inoltre risulta utile per  cancellare la cache, per eliminare un certo numero di file e cartelle che possono diventare ingombrante e molto altro.

Il secondo programma è un shareware ma è comunque molto interessante. Si tratta di MainMenu.

MainMenu aiuta a mantenere il vostro Mac veloce e scattante:  ricostruisce la libreria della funzione Spotlight per una più rapida ricerca, permette di  riparare i permessi, pulizia della cache per migliorare le prestazioni delle applicazioni e tramite  le impostazioni avanzate consente  l’attivazione e la disattivazione della funzionalità Dashboard e altro ancora.

Infine vediamo come accedere ai processi in uso dal sistema e risolvere alcuni dei problemi più comuni:

Activity Monitor (denominato Process Viewer prima di Panther) è un programma incluso in Mac OS X che può essere utilizzato per visualizzare i processi in esecuzione e le informazioni di sistema. Si trova in / Applicazioni / Utility / Activity Monitor.  Utilizzalo per scovare le risorse di sistema più esose in termini di memoria utilizzata e stress CPU.

Se Activity Monitor  indica che il processo “SystemUIServer “sta consumando un’enorme quantità di CPU, il problema è molto probabilmente connesso ad un menu extra. Il menu extra è una piccola icona o, talvolta, una parola che appare alla destra della barra del menu. Forniscono un modo rapido per utilizzare le applicazioni (ad esempio, iChat).

I menu extra di terze parti che utilizzano una connessione Internet attiva possono  comportare un elevato utilizzo della CPU se la connessione di rete diventa occupata o bloccata. In generale è sempre bene fare attenzione a quali applicazioni si attivano all’avvio del sistema.

Come sempre se pensate di poter consigliare ulteriori modi di ottimizzazione di un Mac,  potete farlo con un commento. Buona manutenzione:)

Ps: Tocca anche a voi.. ci siamo capiti :)

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273