Top

Raspberry PI: un Minicomputer da 25 Dollari

Non è una svista, abbiamo già parlato del computer a basso costo, ma torniamo oggi in argomento perchè questi mini computer sembrano aver avuto un grandissimo riscontro di pubblico, infatti sono già stati esauriti presso uno dei rivenditori, Farnell, mentre l’altro, RS Components, sta solo prendendo le ordinazioni dagli acquirenti interessanti. Anche se il progetto Raspberry Pi è stato concepito come un computer a basso costo che possa aiutare i bambini a imparare a programmare, ha destato un grandissimo interesse, di certo anche per il prezzo decisamente abbordabile, in tutti gli appassionati del settore.

Mentre il Raspberry Pi è stato lanciato con un unico modello da 25 dollari, è in questo momento in produzione una fascia più alta di questo minicomputer, il modello B da $ 35, che ha un ulteriore porta Ethernet, due porte USB 2.0 e una memoria che passa da 128MB a 256MB, vi terremo sicuramente aggiornati sulle novità, per ora, chi di voi si fosse perso l’articolo sul mini computer a basso costo si può rinfrescare la memoria.

Raspberry PI: Ecco Com’è un Minicomputer da 25 Dollari

Raspberry Pi è un progetto che risale al 2008, in quel periodo alcuni ex studenti di Cambridge hanno voluto iniziare lo sviluppo di un computer piccolo ed economico e che invogliasse anche i più piccoli ad imparare a programmare. Tre anni dopo sono cominciati a circolare i primi prototipi, infine lo scorso 10 Gennaio sul sito ufficiale è stato annunciato l’inizio della produzione dei primi due modelli di questi mini pc.

Essi dispongono di un processore  ARM 1176JZF-S da 700Mhz , un Videocore 4 GPU in grado di riprodurre la qualità dei Blu-Ray, una memoria SDRAM da 128MB per il modello A o 256MB per il modello B, uno slot SD/MMC/SDIO il quale funzionerà come Hard Disk, una porta USB (per collegare la tastiera), una HDMI, una porta ethernet e logicamente un jack per l’alimentazione, tutto ciò in una scheda di 85,60 mm x 17mm x 53,98 mm.

Questi primi modelli supporteranno i sistemi operativi: Fedora, Arch  e Debian e si prevedono, in futuro, altre distro Linux, per quanto riguarda Windows, invece, quest’ultimo per ora non è (e probabilmente non verrà) supportato a causa della poca memoria RAM di questi dispositivi.

A questo punto, dopo avervi parlato dei dettagli tecnici, vi chiederete “Cosa riesco a fare con questa Raspberry Pi?”

Ci attaccate una tastiera, un monitor (o TV) e praticamente ci potete fare tutte le cose standard che un utente medio fa col suo pc, cioè: andare su internet, elaborare testi e fogli di calcolo, vedere video ecc…

Per il momento qualcuno è un po’ titubante riguardo le prestazioni e per molti utenti medi la differenza starebbe solo nel fatto che non c’è Windows (e su ciò potrei scrivere molto) ma agli occhi di molti geek la Raspberry PI è sicuramente un gran bel giocattolo!

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273