Top

Rendere Unico Il Proprio Smartphone Con Un Firmware Modificato: Pro E Contro

Ormai quasi la totalità di noi ha uno smartphone, che esso dia Iphone, Android, Nokia o qualsiasi altro tipo. Se siamo anche degli appassionati di tecnologia ci saremo accorti che per la rete girano versioni software e firmware che potrebbero consentire al nostro smartphone di fare un salto di qualità, aver accesso ad applicazioni non disponibili tramite i canali ufficiali oppure avere versioni software più aggiornate non presenti per il nostro dispositivo.

Pirati Mobile


Si stiamo parlando del mondo dei Custom Firmware dei JailBreak e delle Rom Cucinate. Se questi termini vi sembrano nuovi, vi spiego brevemente di cosa stiamo parlando. Il vostro dispositivo smartphone possiede un proprio sistema operativo e un proprio firmware, per i più profani il firmware è il “mezzo” di comunicazione tra il software e l’hardware. Sia il sistema operativo e il firmware solitamente non possono essere modificati, in quanto solo la casa madre ha il diritto di rilasciare o meno aggiornamenti. Invece tramite alcune procedure, illegali tra l’altro, è possibile personalizzare ancor maggiormente il proprio smartphone.

Ma quali sono i pro e i contro di tale operazione?

I pro variano in base al vostro dispositivo e che tipo di hack state cercando di portare a termine su di esso.

Il primo motivo per cui potrebbe valere la pena effettuare un operazione del genere è la possibilità di installare applicazioni “non ufficiali” o di “dubbia provenienza”. Questo ad esempio sarà possibile con un Iphone JailBroken o su di un Nokia dotato di Custom Firmware, ma non sulle rispettive versioni originali.

Secondo motivo potrebbe essere il voler dotare il proprio smartphone di una versione del proprio sistema operativo di una versione non supportata ufficialmente. Ad esempio portare Android 2.3 su dispositivi che non hanno l’aggiornamento ufficiale, oppure dotare il vostro Nokia di una versione Symbian diversa.

Questo ci porta anche ad un terzo motivo, infatti solitamente tramite l’hack si potrebbero incrementare le prestazioni dello smartphone. Come aumentare fluidità tramite overclock del processore o un utilizzo ottimizzato della cache.

Ma per ogni pro c’è un contro, forse anche più di uno. Innanzitutto tale operazioni sono illegali, portandovi così ad invalidare la garanzia del prodotto. Altro contro è che le applicazioni che potremmo guadagnare, non è detto che siano sicure. Potrebbero compromettere il corretto funzionamento del dispositivo o anche decrementare la sicurezza di esso, rendendo magari informazioni sensibili memorizzate all’interno del lo smartphone disponibili a persone non autorizzate.

L’incremento di prestazioni porta ad due principali contro. Il primo e più ovvio è un decremento della durata della batteria, il secondo è un po’ più complicato da spiegare.

Non vogliatemene, ma non mi dilungherò troppo sulle spiegazioni a livello elettronico e circuitale. Sappiate però che un incremento in overclock della CPU del vostro sistema smartphone può causare danni più o meno gravi ad essa. Questo perché su sistemi fanless, ovvero privi di sistemi di raffreddamento attivi come ad esempio ventole, il calore solo può causare problemi sia a breve che a lungo termine. Altro problema è che l’incremento anche di soli pochi Hertz in overclock, può causare seri danni alla CPU, la quale non essendo stata progettata per frequenze di questo livello, potrebbe rovinarsi per l’eccessivo passaggio di carica all’interno dei propri Transistor.

Quindi se proprio volete avventurarvi in questo mondo, adesso siete consapevoli dei rischi e dei possibili guadagni. Accertatevi sempre di poter ripristinare il vostro dispositivo come da fabbrica in caso di pentimento.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273