Top

SD Card Non Sono Sicure!

Tutti coloro che archiviano dati con smartphone o tablet di ultima generazione o scattano fotografie con le classiche fotocamere digitali, utilizzano quotidianamente le SD Card, in tutti i loro vari formati. Quest’ultime, secondo alcuni recenti studi, non sono completamente sicure e permettono l’esecuzione di codice arbitrario. E’ possibile, infatti, hackerare facilmente le SD Card ed effettuare attacchi MITM (man-in-the-middle), dove la scheda di memoria sembra effettuale le classiche operazione, ma sta effettuando altri task. Andiamo a vedere in dettaglio.

sd non sono sicure

Firmware Non Protetti E Troppi Errori

L’hardware hacker Bunnie Huang, durante un talk al Chaos Computer Club Congress, ha focalizzato l’attenzione sulle memorie SD che, secondo le sue ricerche, non sarebbero completamente sicure. Vi sono, infatti, notizie positive e negative, visto che le SD Card possono essere utilizzate per effettuare attacchi “man-in-the-middle” e non solo. In primis, per comprendere i possibili hack, è necessario comprendere la struttura di una memoria SD. Non solo le memorie SD, secondo Bunnie Huang anche le memorie MMC, eMMC, iNAND  ed anche le penne USB presentano le stesse problematiche.
Le memorie flash sono veramente convenienti sia per i consumatori, ma soprattutto per i produttori. In realtà, le memorie flash sono piene di difetti, senza esclusioni, e gli ingegneri cercano di sviluppare sofisticati e complicati algoritmi per compensare tutti gli errori che si verificano. In un post dettagliato, disponibile presso questo link, è possibile comprendere quali siano gli esatti problemi. I produttori di memorie SD riescono a “riciclare” memorie flash di bassa qualità e grazie ad un firmware possono, ad esempio, cambiare lo spazio logico disponibile nella scheda di memoria, senza cambiare l’effettiva capienza. Ciò significa che schede di memoria da 2GB possono essere vendute come memorie da 4GB. Il vostro computer non noterà nessuna differenza, fino a che non verrà riempito il falso spazio presente. Grazie al test H2testw è possibile controllare se la vostra scheda di memoria o penna USB sia stata modificata “ad-hoc”.

sd cardUn’ulteriore brutta notizia riguarda il fatto che le memorie SD contengono un firmware che può essere aggiornato. La maggior parte dei produttori, infatti, lascia il firmware non protetto e ciò permette di poterlo modificare per effettuare copie del contenuto della memoria in un’area nascosta o per eseguire software malevolo.

La notizia positiva è che le memorie SD possono essere riprogrammate ed impiegate all’interno di progetti DIY, grazie sia ai gigabyte di memoria presenti che al microcontroller. Rispetto ad un Arduino, con microcontroller da 8 bit 16 MHz, una scheda di memoria ha un costo inferiore e possono essere modificate per essere impiegate nei progetti. Cosa ne pensate?

 

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273