Top

Sharp Taglia 2000 Posti Di Lavoro nel 2012, Altri 5000 nel 2013

In questi ultimi mesi, i segnali di crisi globale si sono fatti sentire su molteplici fronti della tecnologia. Aziende come RIM, HP, Sony hanno avuto problemi e dissesti finanziari al punto tale da dover riadattare e eliminare alcuni rami secchi. Adesso tocca a Sharp che manderà a casa circa 2000 lavoratori.

 

Un Altro Colosso Giapponese In Crisi

I colossi hi-tech giapponesi stanno soffrendo in modo molto evidente la crisi globale. Dopo i recenti tagli del personale da parte di Sony, ora tocca a Sharp mandare a casa circa 2000 lavoratori in vista della riorganizzazione che sta avvenendo all’interno dell’intera azienda.

Dopo le importanti perdite economiche avvenute nel primo quarto del 2012, l’azienda ha annunciato il “ritiro volontario” da parte di circa 2000 lavoratori a fronte di una riorganizzazione aziendale. Anche altre importanti aziende nel settore della tecnologia come RIM, HP e Sony hanno dovuto ridurre il personale e eliminare alcuni rami secchi che erano costantemente in perdita.

La maggiore razionalizzazione delle risorse ed anche una maggiore attenzione agli sprechi sta piano piano portando ad una riduzione del personale a favore, però, di un bilancio in attivo. Sembra, comunque, che la crisi dei colossi hi-tech non sia destinata a fermarsi e soprattutto in Giappone si stia espandendo producendo effetti collaterali anche per l’indotto. Staremo a vedere cosa accadrà in futuro.

Update 12 maggio 2013

Sharp Ancora In Crisi, Taglia 5000 Posti Di Lavoro

Secondo le ultime indiscrezioni riportate dal quotidiano giapponese Asahi Shibun, Sharp è intenzionata a tagliare circa 5000 posti di lavoro nei prossimi tre anni con la finalità di rivedere le proprie strategie ed ampliare la produzione delle TV di grandi dimensioni e focalizzarsi anche sul mondo smartphone ed altri dispositivi. Andiamo a vedere in dettaglio.

SHARP-logo

Sharp Taglia I Manager E Punta A Produrre

Sembra che la crisi per Sharp non sia ancora terminata, anzi l’azienda giapponese è intensionata a tagliare 5000 posti di lavoro diminuendo il numero di dirigenti, consulenti e focalizzando la strategia di sviluppo sulla produzione di pannelli di medie e grandi dimensioni. Anche l’ingresso di Samsung, a livello economico, in Sharp non ha migliorato le condizioni dell’azienda che ad oggi si vede costretta a licenziare migliaia di persone.

Samsung, infatti, ha siglatto un accordo con Sharp per la fornitura di schermi LCD da 11.6 pollici con tecnologia IGZO. Sharp, inoltre, è uno dei principali partner anche per Apple per la fornitura di display per la prossima generazione di dispositivi mobile. Il taglio dei lavoratori, quindi, colpirà Sharp a livello globale, anche ad Osaka dove ha la sede centrale e permetterà all’azienda di raggiungere un fatturato pari a 30 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2015.

L’utile netto, previsto a 100 miliardi di Yen, sarà simile a quello del 2007, anno precedente allo scoppio della crisi finanziaria globale. Per il momento tutti questi numeri sono ipotetici, infatti il piano triennale di tagli dovrebbe essere ufficializzato il 14 maggio ed il termine sarà marzo 2016. La volontà dell’azienda giapponese di focalizzare la propria attenzione su TV da 70 pollici, televisori 4K ed infine pannelli di medie dimensioni, a nostro avviso, può essere una strategia vincente che potrebbe far risollevare Sharp dalla crisi che continua a colpirla.

Cosa ne pensate?
Link | Engadget

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273