Top

Tutto Quello Che Non Sapete Su PackageMaker Per Mac

Come saprete le applicazioni fornite di serie con un Mac sono spesso  più potenti di quanto ci si aspetti. Tante sono anche le applicazioni fornite di serie con Xcode, la famosa applicazione di Apple per la programmazione. Come molti sapranno non c’è quasi nulla che Xcode non possa programmare o creare per quanto riguarda lo sviluppo software… Infatti quando si compie l’installazione di questo applicativo vengono caricati una serie di programmi per poter creare interfacce grafiche, creare widget, e una serie di applicazioni per qualunque esigenza. (Se non avete Xcode installato sul vostro Mac basterà inserire il disco di installazione che trovate nella confezione e installarlo da lì, di serie non viene pre-installato visto che si tratta di un applicativo molto pesante e necessario solamente ai programmatori, che risulterebbe quindi inutile ai non addetti ai lavori).

PackageMaker, questo sconosciuto

Una di tali applicazioni un pò sconosciute è PackageMaker. Come saprete l’installazione di applicativi per Mac avviene o con il semplice copia e incolla del contenuto di un disco immagine .dmg, o (come capita spesso per componenti aggiuntivi) tramite l’esecuzione di un file .pkg o .mpkg, ovvero codici che non fanno altro che spostare il contenuto di un pacchetto nella giusta posizione del vostro Mac in maniera da poter eseguire il programma.

Tempo fa mi sono ritrovato a creare una nuova grafica per un progetto di nome rEFIt, e di conseguenza avevo la necessità di creare un pacchetto che modificasse le nuove immagini e i file di definizione correlati. Per fare ciò mi sono servito di PackageMaker, programma veramente molto semplice e intuitivo, ma decisamente potente.

Vediamo quali sono i passaggi principali per poter creare un pacchetto di installazione del vostro programma o del vostro plug-in.

  • Lanciamo il programma tramite Spotlight o semplicemente aprendolo da Macintosh HD > Developer > Applications > Utilities > PackageMaker.app
  • All’avvio del programma vi apparirà un menù a tendina dove dovrete esprimere il nome della società o del programmatore che crea il pacchetto di installazione e il target minimo di sistema operativo, ovvero la versione minima necessaria all’installazione del vostro programma. Di serie PackageMaker richiede minimo Mac OS X 10.3 Panther.
  • Una volta definiti tali parametri vi troverete nella finestra principale del programma. Selezionando nella barra di sinistra potrete decidere le caratteristiche del pacchetto di installazione
  • Da tale pannello potrete decidere: nome del pacchetto di installazione, tipo si installazione, destinazione dell’installazione (volume di sistema, cartella home oppure volume deciso dall’utente), certificazione e descrizione del pacchetto. E’ inoltre possibile definire i requisiti minimi di sistemi e impostare i relativi messaggi di errore, oltre a poter esprimere una serie di azione pre e post installazione, come creazioni di alias, visualizzazioni di file e altro.
  • Sempre da tale pannello è possibile, grazie all’apposita icona, passare alla presonalizzazione dell’interfaccia del pacchetto, ovvero di quelle finestre che appariranno all’utente finale quando apre il vostro pacchetto di installazione. In questo modo potete modificare lo sfondo delle finestre, impostare una documentazione di preinstallazione in varie lingue, settare licenze e decidere le politiche di scelta del volume su cui montare il programma.
  • Una volta impostati i parametri del pacchetto si devono inserire i file da voi creati, per tale operazione basterà trascinare tali file nella barra di sinistra e vi comparirà la lista dei componenti del vostro pacchetto.
  • Per ogni file è quindi possibile decidere la destinazione del file (con relativi messaggi di errore se tale directory non venisse trovata), specificare la versione del documento, impostare eventuali richieste di autentificazioni da parte dell’amministratore o di riavvii o log off di sistema.
  • Una volta definito il tutto cliccate su Build e vi verrà chiesta le destinazione di salvataggio del pacchetto creato, aspettate qualche secondo e avrete il vostro pacchetto, pronto per essere spedito in giro per il mondo.

Spero di aver detto tutto, ma in caso non è difficile scoprire tutte le potenzialità del programma anche perchè ne ha molte, in caso di problemi o dubbi non dovete fare altro che lasciare un commento.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273