Top

Wolfenstein: The New Order [RECENSIONE]

Wolfenstein è tornato, o meglio è rinato: primo progetto della casa dei software svedese MachineGames, Wolfestein: The New Order si colloca nel solco dei pregevoli discendenti, titoli come Wolfestein 3D, riuscendo al contempo ad andare oltre, inserendosi nel mercato videoludico come una novità dotata di una giocabilità tutta sua e con importanti elementi di novità rispetto ai titoli precedenti. Andiamo a vedere in dettaglio.

Wolfenstein The New Order

Distopia

Siamo negli anni ’60, in un mondo distopico in cui i nazisti non sono mai stati sconfitti e hanno messo a ferro e fuoco il mondo soggiogandolo al proprio volere. Per evitare gli spoiler, vista la grande eterogeneità della trama e il succedersi di un colpo di scena dopo l’altro, daremo solo qualche elemento sulla trama: da un lato il super cattivo, l’eminenza grigia nazista che muove i fili del super potere con cui domina il mondo, è un uomo che piega chiunque al proprio volere. Dall’altro, il nostro eroe, il protagonista, il buono: William BJ Blazkowicz, un soldato dotato di carisma, sangue freddo, ma anche di un’anima buona. Missione dopo missione e scena dopo scena, sarà compito di William seminare i semi di una rivolta che rovesci la grande dittatura mondiale. La narrativa del gioco è serrata, ha lo stesso ritmo incessante delle rivolte e delle grandi guerre, e, in mezzo a questo caos calmo di gioco si affacciano ogni tanto spiragli di vita quotidiana, di normalità. Una normalità comunque minacciata da un nemico che dobbiamo combattere e sconfiggere se vogliamo che il mondo torni in pace.

The-New-Order-2

Il Gioco

I ragazzi della MachineGames hanno dato vita a una guerra ludica dinamica, senza tregua e piena di colpi di scena. Sedici capitoli di gioco, numerosi collezionabili, una trama articolata che difficilmente verrà a noia. E che comincia col ‘botto’: sin dalle primissime scene, chiamati a decidere sulla sorte di due commilitoni, a seconda della scelta del giocatore ci saranno pesanti influenze sulla dinamica del personaggio e sulle sue abilità nel condurre la partita finale. Wolfenstein The New Order è uno sparatutto a trecentosessanta gradi: questo è il vero punto di forza del nuovo titolo svedese, ancor prima della trama. Le sparatorie sono numerose, caotiche e raffinate: non ci si annoierà nonostante l’ormai comprovata classicità degli sparatutto in prima persona. Sarà possibile imbracciare due armi in contemporanea e gestire la propria azione sul campo con uno spettro di azioni e possibilità davvero ampio. Il sistema offre al personaggio la possibilità di agire secondo diverse modalità (furtività, tattica, assalto e demolizione), che danno la possibilità di una battaglia sempre diversa dall’altra. Dagli assassinii silenziosi alle teatralità belliche, con armi così imponenti che sembrano difficile da gestire.

Wolfenstein the new order

Mappe e Movimento

Un grande lavoro gli sviluppatori l’hanno fatto con un eccellente sistema di mappe che consentirà al giocatore di raggiungere gli obiettivi della sua missione non necessariamente per la via principale ma attraverso vie secondarie e passaggi nascosti.Rendendo il gioco più articolato e meno scontato, offrendo la possibilità di attacchi silenziosi e micidiali, svincolando il giocatore dalla solita routine delle missioni ludiche in cui per arrivare a un obiettivo è obbligatorio percorrere una sola via. No, qui le vie sono diverse e possiamo orientarci con un ottimo sistema di mappe.

 Wolfenstein

Video, Suono e Tecnica: Il Dettaglio Del Futuro

Wolfenstein: The New Order ha un’ottima impalcatura visiva, va detto. Ottimi scenari, paesaggi talora mozzafiato, unito alla straordinaria giocabilità, sarà un piacere da giocare.Una nota positiva anche sulla stabilità del framerate, che nella versione per PS4 si colloca sui sessanta frame al secondo, con una stabilità grafica costante sui 1080p. E se anche un ottimo lavoro è stato fatto con la colonna sonora (si segnalano alcune tracce cantate), purtroppo lo stesso non si può dire del mix sonoro: vi sono momenti in cui sarà davvero difficile comprendere i dialoghi, e il ricorso ai sottotitoli sarà necessario per la comprensione. Tuttavia, si tratta di una piccola pecca tecnica in un gioco che promette molto bene, e che fonde, in uno scenario distopico, una giocabilità paurosa, ottenuta in primis spaziando da uno sparatutto dinamico alle molte scelte di gioco di cui il giocatore dispone nella propria carriera di gioco. Unite queste caratteristiche alla potenza grafica, che solo le console di next gen possono consentirvi, otterrete un titolo che difficilmente vi offrirà momenti per abbandonare il joystick. Wolfenstein The New Order è un titolo estremamente giocabile, diverte, ha una trama avvincente, e apre la strada a ulteriori capitoli targati MachineGames.

email
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Non perdere l'opportunità di ricevere il meglio di Ziogeek!


Commenti


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/ziogeek/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273